Manifesto
Caffèorchidea è un luogo, innanzitutto.
E a quel luogo ha dato vita – e anima – Antonio Tabucchi, in uno dei romanzi più belli della fine del ‘900. È in questo caffè che si ritira Pereira. È qui che gusta la sua solita limonata ghiacciata, per fronteggiare l’afa di un agosto insopportabile. Tutt’intorno, a Lisbona e nel Portogallo, il regime di Salazar imperversa.


La nostra casa editrice
deve il proprio nome a quel caffè.


Ci sono posti e immagini, nella storia della letteratura, che più di altri restano nella mente del lettore. Stanno lì, come camere chiuse a chiave, che a volte si riaprono. Se dovessimo pensare ad un villaggio, tra i numerosi villaggi della letteratura, penseremmo a Macondo di Cent’anni di solitudine. Se dovessimo pensare ad un salotto, invece, penseremmo a quello di casa Ardengo, dove si svolgono le vicende de Gli indifferenti di Moravia. Una strada? Ci torna in mente quella di Kerouac, negli Stati Uniti o il Vicolo del mortaio di Naghib Mafuz, in Egitto.


Se, quando dovevamo pensare al nome della nostra casa editrice, ci è venuto in mente quel caffè di Lisbona, un motivo ci sarà pure! E vi diremo che ce ne sono tre. Di motivi.


1 Il caffè è un pretesto per creare momenti di incontro. Noi pensiamo che il libro abbia la stessa funzione: mettere in contatto persone, agevolare scambi di conoscenze. Proprio come fa il cameriere del Caffè Orchidea, che parlando sottovoce a Pereira lo aggiorna sulla situazione politica di Lisbona.


2 Il caffè è anche una finestra privilegiata, dal quale è possibile osservare il mondo stando semplicemente seduti ad un tavolo, o fra le persone al banco. Noi, con le nostre iniziative e con i libri che pubblicheremo vogliamo fare anche questo. Osservare il mondo. Mettere a disposizione dei lettori elementi per studiarlo con nuovi linguaggi e metodi.


3 Il Caffè Orchidea è un bar che si oppone al regime di Salazar. E questo ci piace, perché vogliamo essere una casa editrice attiva, militante nel campo culturale e sociale. Che oltre ad interpretare la società, vuole provare a cambiarla.


[E per quest’ultimo proposito non ci stancheremo mai di citare l’undicesima tesi di Marx su Feuerbach: I filosofi hanno, fino a questo momento, solo interpretato diversamente il mondo; ora si tratta di cambiarlo ]
Persone
La nostra finestra sul mondo si sta aprendo.
Vi fermate anche voi al Caffèorchidea?
Eccoci: se ti imbatti nel CaffèOrchidea, ci troverai lì.


Negli angoli, che guardiamo di sottecchi, seduti ai tavoli leggendo un giornale o al bancone, mentre, guardinghi, beviamo una limonata.


Ci siamo scelti questo posto. Da qui vogliamo giocare col mondo e provare a “forzarlo” usando la leva della letteratura. Qui stiamo leggendo tutta la letteratura inesplorata che ci arriva fra le mani, per poter cominciare a produrre libri, a raccontare storie.


E non ci accontentiamo solo dell’Italia. Stiamo organizzando una piccola redazione anche a Lisbona e Londra.


Giuseppe Avigliano
direttore editoriale


Luca Onesti
redattore, con sede a Lisbona


Alfonso Natale
redattore


Flavia Falcone
redattrice


Alessia Andreozzi
redattrice